The Unedited
Free space for free expression in English & Italian
(Un)Edited by Carlo Pelanda
Managed by F.Brunelli e L.Borgiani

Servono regole, ma non censure.

By Filippo Brunelli

regole non censure

"Video killed the radio star" cantavano nel 1979 i "The Buggles", riferendosi al fatto che la televisione stava soppiantando gli altri media, in particolare la radio. Naturalmente, all'epoca, Trevor Horn e Geoffrey Downes non si immaginavano che anche la televisione sarebbe stata soppiantata da un nuovo media che ha rivoluzionato il concetto stesso di comunicazione: i social network!
Nel 2018 i servizi web più utilizzati sono stati: Google, Youtube, Facebook, Whatsapp, Messenger ed instagram. Questo vuol dire che due società (google e facebook) veicolano la maggior parte del traffico internet.
Se guardiano statistiche delle 50 aziende più grandi del mondo per capitalizzazione di borsa vediamo che Alphabet (l'holding che comprende Google, Youtube ed altre controllate) e Facebook (a cui appartengono, oltre che all'omonimo social anche, i servizi Whatsapp, Messenger ed il social instagram) sono tra le prime 10; la domanda è: "cosa producono Google, Youtube, Facebook, Messanger, whathaspp ed instagram?"
Tralasciando che nella holding Alphabet fanno parte anche altre società che si occupano di ricerca e sviluppo, tra le quali il sistema operativo Android, la risposta per i singoli servizi citati è: pubblicità!
I ricavi dei maggiori servizi di internet sono dati dalla pubblicità, quindi dal numero di utenti che riescono a raggiungere.
Fin qua non ci sarebbe nulla di preoccupante (la pubblicità è sempre esistita tanto che si trovano addirittura tracce di reclame anche su alcune mura dell'antica pompei) se non fosse che una ricerca del novembre 2016, firmata dalla Graduate School of Education dell'università di Stanford, in California (https://purl.stanford.edu/fv751yt5934), ha dimostrato che i giovani, in particolare i millenials, che dovrebbero essere tra le generazioni digitalmente più smaliziate non sanno distinguere un contenuto comune da una pubblicità anche se vi è indicata la scritta "adv" o "Contenuto sponsorizzato", a meno che non sia presente il marchio di un brand conosciuto o un prezzo; sempre secondo questa ricerca credono che il primo risultato trovato con google sia il più autorevole ed il più affidabile ( mentre spesso è un contenuto sponsorizzato!), si lasciano attrarre dalle immagini.
In Italia oltre il 90% degli studenti tra i 15 ed i 24 anni sta online, ma di questi il 35% dichiara di avere competenze digitali di base, mentre il 33% di averle basse, il che vuol dire non che non sanno programmare ma che il 35% non sa nemmeno districarsi al di fuori delle procedure abituali.
Tornando per un momento ai social vediamo che facebook, nel mondo, ha circa 2 miliardi di utenti, dei quali il 66% usa il social network tutti i giorni, segue Youtube con 1,5 miliardi, seguono Whatsapp e messanger con poco più di un miliardo di utenti mensili e in fine instagram con circa 700 milioni.
Il 51% degli utenti di internet usa i social network per raggiungere le notizie, per lo più tramite cellulare; tra i giovani tra i 18 ed i 24 anni la rete è lo strumento preferito per accedere alle notizie, mentre la televisione viene al secondo posto (Reuters Institute, University of Oxford: http://www.digitalnewsreport.org/interactive/).
Vediamo quindi che, da un lato, ci sono tra gli utenti quindi due grandi referenti per lo stare in rete e cercare notizie e sono Facebook e Google, due società che hanno i loro guadagni dalla pubblicità e dal maggior numero di utenti che riescono a raggiungere, mentre dall'altro abbiamo i ragazzi (e non) che, se difficilmente riescono a distinguere un contenuto sponsorizzato da un post, di certo faranno ancora più fatica a distinguere una notizia vera da una falsa.
I social network non hanno nessun interesse a verificare e controllare la qualità dell'informazione che viene veicolata. Nel settembre 2017, rispondendo alle accuse di Trump, secondo il quale il social network Facebook gli era contrario, Zuckemberg risponse :" Internet è il modo primario in cui i candidati hanno comunicato, dalle pagine facebook con migliaia di folowers, centinaia di milioni sono stati spesi per la pubblicità… I nostri dati dimostrano il nostro grande impatto sulla comunicazione"; quasi che il solo fatto che Facebook abbia un grande impatto sulla comunicazione ne giustifichi non solo l'esistenza ma anche il fatto che sai libero di fare quello che vuole.
"Da un grande potere derivano grandi responsabilità", questo si leggeva nella vignetta conclusiva di Spider-Man su Amazing Fantasy n.°15, e questo è quello che dovrebbe essere.
Purtroppo non sembra essere così con i social media: malgrado le assicurazioni che sono state fatte negli anni per arginare il problema poco è stato realmente fatto, e in un mercato dove la concorrenza è praticamente inesistente e non vi sono regole i social network possono fare quello che vogliono e, visto che sono società per azioni, il loro scopo è fare soldi.
Non è facile creare delle regole per poter gestire le informazioni in rete senza rischiare di limitare la libertà di informazione come, ad esempio, avviene in Cina dove molti siti e social sono costretti a sottostare alla censura dello stato o a non essere visibili. Bisogna costringere i gestori dei social media ad autogestirsi, verificare e controllare quello che viene pubblicato, pena il ricorso a delle sanzioni.
Una cosa simile è stata fatta per quando riguarda la pubblicazione di contenuti coperti da copyright, dove il gestore di un social è tenuto a controllare ed eventualmente cancellare il contenuto pubblicato quando questo violi un copyright.
Perché non è possibile allora farlo anche per tutti i post?
Durante le elezioni presidenziali americane del 2016 centinai di siti diffondono quelle che vengono definite Fakenews che favoriscono l'elezione di Trump. La maggior parte di questi siti si trovavano in macedonia e non avevano nessun interesse al che vincesse un candidato anziché un altro ma, tramite google AdSense ( il sistema di google che permette di inserire spazi pubblicitari all'interno del proprio sito), sono arrivati a guadagnare fino a 5000 euro al mese!
Inutile dire che il colosso di Mountain View non controlla dove la sua pubblicità compare ma solo che compaia; dei proventi della pubblicità una piccola parte va al gestore del sito, una grande parte a Google.
Il gestore del sito ha quindi grande interesse che vi sia un gran numero di visitatori, maggiore è il numero di visitatore, maggiore la pubblicità che compare, maggiori i suoi introiti, così come per Google.
In Italia il sito di Buzzfeed nel 2016 ha pubblicato un'inchiesta giornalistica sulla disinformazione prodotta in Italia dal Movimento 5 Stelle e sui legami del partito di Beppe Grillo con diversi siti di news (https://www.buzzfeed.com/albertonardelli/italys-most-popular-political-party-is-leading-europe-in-fak?utm_term=.uhv695Bmk#.qkGP7kZry) , il risultato di questo tipo di informazione, insieme all'uso intensivo che i candidati hanno fatto di Facebook durante la campagna elettorale, come strumento di propaganda, ha influenzato le elezioni politiche del 2018.

Così come uno stato ha l'obbligo di tutelare la salute dei suoi cittadini, così anche nel settore della comunicazione online, in mancanza di una vera concorrenza nel settore che autoregoli la qualità dell'informazione come succede nell'editoria, nella radio e nella televisione, è lo stato, o meglio gli stati, che dovrebbero creare regole che, pur rispettando i dettami delle singole costituzioni, atte a tutelare i propri cittadini.
Anche le aziende, dal canto loro, dovrebbero iniziare a sensibilizzarsi su questo fenomeno così come gli utenti. Abbiamo iniziato a valorizzare i prodotti che vengono fatti senza sfruttare la manodopera nei paese in via di sviluppo, penalizzare le aziende che sfruttano i bambini per la confezione dei vestiti o delle tecnologie, perché non possiamo iniziare a segnalare quelle aziende che fanno comparire la loro pubblicità online sui siti che non lo meritano?
La soluzione, per poter arginare l'anarchia informativa che regna online passa quindi da due strade (visto che in tanti anni le aziende interessate non hanno fatto nulla per risolvere il problema): sanzioni da parte delle autorità direttamente proporzionale al numero di utenti che raggiunge un social network direttamente o indirettamente, e creazione di una coscienza sociale come per i prodotti ecosostenibili, ad impatto zero o che non sfruttano le popolazioni locali, magari con un certificato di qualità.


Archive
By Filippo Brunelli

NERDERING:Servono regole, ma non censure..

NERDERING:Servono regole, ma non censure.

Quindi servono regole non censure

Quindi servono regole non censure

Quindi servono regole non censure

Quindi servono regole non censure